TRA VILLE E GIARDINI, con l’onda mediterranea di suoni ed emozioni, vicini e lontani, degli Almamegretta si è aperta ieri a Villa Morosini di Polesella l’edizione 2014

Photo credits: Fabio Viscardini

Photo credits: Fabio Viscardini

Un’onda di suoni ed emozioni che ha travolto il pubblico: la salsedine mediterranea del sound sempre più dub degli Almamegretta ha investito come un cavallone il pubblico che, sfidando il capricci del tempo, ha affollato il parco della splendida Villa Morosini di Polesella per assistere ad un concerto assolutamente unico, che ha segnato l’inizio della XV edizione di Tra Ville e Giardini. Con un uso sempre sapiente di echi e riverberi non solo musicali, Raiz ha saputo raccontare con la sua voce carica di fascino, dolce e ruvida allo stesso tempo, un cammino non solo artistico di un gruppo che ha saputo far uscire il reggae dagli scantinati e farlo conoscere ed apprezzare al grande pubblico. E a chi si chiedeva se The Sanacore Dub live session, il loro ultimo progetto di “rilettura dub” del loro più celebrato album fosse una minestra riscaldata, è arrivata una risposta forte e chiara: no, gli Almamegretta sono ancora dei leoni che hanno tanto da raccontare e da comunicare e la loro musica mai banale è ancora fresca e necessaria.

Photo credits: Fabio Viscardini

Photo credits: Fabio Viscardini

In un cammino che da Napoli ha toccato le sponde africane e mediorientali, fra assoli di batteria, percussioni e basso, gli Almamegretta nella loro formazione storica al gran completo (Raiz alla voce, Fefo Forconi alla chitarra, Pablo Polcari alle tastiere,  Mario “4mix” Formisano al basso, Gennaro T Tesoni alla batteria, cui si è aggiunto Salvatore Zannella alle percussioni) hanno saputo fondere presente e passato, vicino e lontano, con il talento dei grandi interpreti. Senza dimenticare, poi, un omaggio “in morte del fratello Ciro”, il tifoso napoletano Esposito che proprio ieri si è spento.

Photo credits: Fabio Viscardini

Photo credits: Fabio Viscardini

Da Pe’ dint’ ’e viche addo’  nun trase ‘o mare a Black Athena, dalla sanremese Mamma non lo sa a Nun te scurda’, da The Follower alla più recente Amareomare, fino alla traccia che dà il nome all’album che, come ha detto Raiz, “scritto vent’anni fa, parlava di riprendersi l’umanità e di fermare il tempo”: Sanacore. E il tempo, per gli “Alma” sembra davvero essersi fermato, perché la loro musica è oggi, forse anche più di allora, in grado di scuotere le anime. E non solo: ieri sera, anche fra i più compiti spettatori, impossibile non scorgere il desiderio di muoversi e di seguire il ritmo incalzante della musica. La chicca finale di Cometoghether dei Beatles, riletta in levare e regalata come bis prima di abbandonare il paco fra gli applausi è un ulteriore perla che gli Almamegretta hanno saputo ri-pescare nel “Mare nostrum” di una musica che non conosce confini.

Photo credits: Fabio Viscardini

Photo credits: Fabio Viscardini

Prima del concerto, il saluto delle autorità, con il primo cittadino di Polesella Leonardo Raito che si è detto “felice, da nuovo sindaco, di accogliere un concerto di così alto profilo e di tenere a battesimo l’edizione 2014 di Tra Ville e Giardini, che ogni anno regala appuntamenti di qualità”. Anche la presidente della Provincia di Rovigo Tiziana Virgili si è detta “orgogliosa di dare finalmente il via alla XV edizione di una rassegna che, in 18 appuntamenti, fino alla conclusione con Paola Turci a Villa Badoer di Fratta, condurrà il pubblico in un’atmosfera particolare alla scoperta della musica e delle bellezze del Polesine”. L’assessore provinciale alla Cultura Laura Negri non ha nascosto “le difficoltà che quest’anno sono state superate per organizzare la rassegna che, quest’anno, si propone come obiettivo anche quello della valorizzazione del nostro patrimonio museale: l’essere al taglio del nastro è, dunque, una grande soddisfazione”. Il direttore artistico di Tra Ville e Giardini, Claudio Ronda, ringraziando quanti con il loro contributo rendono possibile la manifestazione, ha esteso l’invito al pubblico per l’appuntamento del 12 luglio, “quando sulla sottile striscia di sabbia fra laguna e mare di Scanno Cavallari si incontreranno i principali festival del Polesine per una serata di musica e parole, dedicata alla memoria di Carlo Mazzacurati, la cui passione per le nostre terre sarà ricordata dall’attore Marco Messeri”.

Tra Ville e Giardini è promossa e sostenuta dall’Amministrazione Provinciale di Rovigo, finanziato dalla Regione Veneto, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e dalla Camera di Commercio di Rovigo, ed è organizzata in collaborazione con Ente Rovigo Festival ed i Comuni di Ariano nel Polesine, Arquà Polesine, Badia Polesine, Bergantino, Canda, Castelguglielmo, Ceneselli, Crespino, Ficarolo, Fiesso Umbertiano, Fratta Polesine, Lendinara, Melara, Polesella, Porto Tolle, Porto Viro, Rovigo e Villamarzana.